Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

“Il territorio della Val d’Orcia”. Presentazione del libro del Prof. Jinnai Hidenobu

libro Jinnai

     

 

Il paesaggio rurale della Val d’Orcia, in Toscana, affascina il mondo.

Nel 2004 quel “paesaggio ordinario”, intreccio tra città e campagna creato dall’uomo e dalla natura, è stato dichiarato patrimonio culturale eccezionale.

Questo riconoscimento simboleggia l’arrivo di un’era in cui la campagna e l’agricoltura vengono rivalutate, libere dal paradigma della civiltà urbana, e può davvero essere definito come la “nascita della bellezza propria del 21° secolo”.

Decifriamo l’identità che questo affascinante territorio ha coltivato con l’aiuto del curatore e autore del libro, Jinnai Hidenobu, noto architetto ed esperto dalla profonda conoscenza in pianificazione urbana in Italia e Giappone.

“Il concetto di “territorio” è molto diverso dal termine inglese territory, che generalmente viene tradotto con ryodo in giapponese, ed è una parola molto italiana. (…) Una varietà di attività umane si è sviluppata valorizzando le condizioni naturali o le caratteristiche del territorio. Agricoltura, allevamento, silvicoltura, e diverse industrie sono state realizzate, si sono costruiti città e villaggi, le campagne sono state costellate di fattorie e monasteri, e si è formata una rete di strade per collegare queste zone. Con il tempo, lì si sono accumulate storie e tradizioni uniche. Sono nati paesaggi e comunità locali peculiari. I territori o le regioni che prendono forma dall’estensione degli spazi e che condividono delle identità socio-economiche e culturali così formate, queste sono “territorio”. (…) La peculiarità del “territorio”, composto dal paesaggio e da vari altri elementi, è un fenomeno espresso visivamente.”
Dall‘Introduzione del libro Il territorio della Val d’Orcia: leggere i paesaggi di città e campagna di Jinnai Hidenobu

 

Conferenza per la presentazione del libro “Il territorio della Val d’Orcia” del Prof. Jinnai Hidenobu
Data e ora: giovedì 25 gennaio 2024,  19.00 – 20.30
Luogo: in presenza MARUZEN&JUNKUDO Umeda 4F (7-20 Chayamachi, Kita-ku, Osaka)/ Online Zoom

Organizzatori : IIC OSAKA / MARUZEN&JUNKUDO Umeda

Piu dettagli  / Per prenotazione

 

JINNAI HIDENOBU 
Nato a Fukuoka nel 1947
BA in ingegneria, Università di Tokyo, 1971
MA in ingegneria, Università di Tokyo, 1973
Biennio di studio presso l’ Istituto Universitario di Architettura di Venezia con una borsa di studio del Governo Italiano, 1973-75
Biennio di studio presso l’ ICCROM di Roma, 1975-76
PhD in ingegneria, Università di Tokyo, 1980
Docente assistente, Università di Tokyo, 1980-82
Professore associato, Hosei University, Tokyo 1982-90
Professore ordinario, Hosei University, Tokyo 1990-2018
Professore emerito, Hosei University, Tokyo, 2018 ad oggi
Direttore del Laboratory of Regional Design with Ecology, Graduate School of Hosei University, 2004-2018
Direttore del Museo Storico del Chuo-ward di Tokyo, 2005 ad oggi
Presidente della Società degli Storici dell’Architettura, 2007-09
Presidente del Collegium Mediterranistarum, 2013-2017
Presidente della Società di Storia Territoriale e Urbana, 2015-2017

Professore a contratto, Università di Palermo, 1986
Professore a contratto, Università di Trento, 1995
Professore a contratto, Università di Napoli, 2011

Pubblicazioni in lingue europee:
Ethnic Tokyo, Process Architecture, Tokyo,1987
Turkey: Pilgrimage to Cities, Process Architecture, Tokyo,1990
Veneto-Italian Life Style Scenario, Process Architecture, Tokyo, 1993
Italian Acquascape, Process Architecture, Tokyo, 1993
Tokyo: A Spatial Anthropology, University of California Press, Berkeley, 1995
La Sardegna vista dai giapponesi. L’architettura popolare, la vita, le feste, Edizioni IRIS, Nuoro, 2004
Living Places in Southern Italian Cities. Amalfi, Lecce, Sciacca and Sardegna, Chuo-Koron Bijutsu Shuppan, Tokyo, 2005
Amalfi. Caratteri dell’edilizia residenziale nel contesto urbanistico dei centri marittimi mediterranei, Centro di cultura e storia amalfitana, 2011

Premi e onorificenze:
Premio di Arte e Scienza della Suntory Foundation, Tokyo 1985
Premio della Società di Storici dell’Architettura, Tokyo 2001
Premio del Collegium Mediterranistarum, Tokyo 2001
Conferimento dell’onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana, 2002
Premio dell’ Architectural Institute of Japan, 2003
Laurea honoris causa in Architettura, Università di Roma La Sapienza, 2007
Premio Architettura Sardegna della Federazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Sardegna, 2008
Conferimento della cittadinanza onoraria di Amalfi, 2010
Premio Giulio Carlo Argan, 2019

  • Organizzato da: IIC OSAKA
  • In collaborazione con: Maruzen and Junkudo Shoten Umeda